Stanno costruendo una casa dietro alla mia, li vedo dalle mie finestre.
E’ una squadra eterogenea, fatta di operai italiani e stranieri.
Gli operai italiani sono più vecchiotti, e gridano tutto il tempo. Bestemmiano, dicono parolacce, e soprattutto trattano gli stranieri da deficienti, anche solo perché questi non riescono a spiegarsi.
C’è un muratore giovane e biondo, alto, che corre tutto il tempo di qua e di là. Per quello che vedo io, fa un sacco di cose, e forse le fa anche bene, ma è il bersaglio di tutti. Ogni frase che gli rivolgono contiene almeno un paio di Dio qualcosa e più di qualche insulto.
Ringrazio il Cielo che il mio Giovanni non parla ancora, altrimenti alla prima bestemmia che dice li avrei denunciati, anche se non so a chi!
Ogni tanto penso di affacciarmi e farglielo notare, ma poi lo so che mi riscaldo e nemmeno quello mi pare un buon esempio……
Perché non possiamo avere un’impresa eticamente corretta che costruisca le nostre case?
[…e lasciamo perdere le norme di sicurezza, naturalmente!]

Annunci