Ecco, finalmente capisco tante cose!!! E io che mi ci affannavo: la laurea, il master – tutto per niente!
Essere brillante mi ha aiutato al più a trovar marito, e i miei datori di lavoro li ha casomai impensieriti: la spiegazione è in una lettera sul sito di Repubblica: “Se il mio fondoschiena vale più di due lauree” da cui cito

Ebbene sì, signori miei, il mio primo impatto con la classe “maschio italico” è sempre il suo sguardo insistente su quella “qualità” (a meno che non mi metto un bel burka) della quale io non ho nessun merito; nonostante il mio quoziente intellettivo, la mia cultura, la mia ironia, eccetera… ho un bel affannarmi a parlar di politica, a ricostruire le tappe del disfacimento etico della nostra attuale società, a discutere dei massimi sistemi, di pensioni, di Mozart, di cuneo fiscale, di travi in precompresso… La replica , nel migliore dei casi, è sempre “pure intelligente…” e sorrisino, nel peggiore uno sbadiglio.

La signora in questione non dice per quale lavoro abbia fatto domanda, e quale sia la sua occupazione attualmente, ma mi pare che nella sua lettera non faccia molta differenza
…e io che ero sempre stata felice di essere secca-secca!

(via il blog di Mimmi :o))

Annunci