Ci sono ancora!

Lascia un commento

…e ho in serbo molte novità:

  • intanto vorrei parlarvi della festa a tema che sto organizzando per il compleanno di mio figlio (indispensabile complemento per ogni mamma-che-si rispetti, a quanto pare). Siccome sono pigra, non sarà una vera e propria festa a tema, ma solo un po’ di travestimento da cavalieri… e un po’ da dame, visto che sembra che avremo la gentile presenza di qualche donzella, anche.
  • poi vi darò gli aggiornamenti sulla mia borsa e sul mio bolero – finiti entrambi, da non crederci!
  • e siccome il sogno della mia vita (???) è scrivere un tutorial, vi spiego come fare il finger knitting. Le foto sono già pronte… mi manca solo qualche decina di minuti per scrivere il testo! A proposito, qualcuno ha una traduzione accettabile in italiano per “finger knitting”? “Lavoro a maglia con le dita”? “Maglia a dito”? Sì, mi piace, credo che userò “fare la maglia a dita”, al diavolo tutto questo inglese!
  • a proposito… cosa ne dite di un knit café per settembre? Ci proviamo? 🙂

Evabbè, mi pare che per un po’ abbiamo materiale.

Nel frattempo, fate un po’ di preghierine per noi e per due persone che ci stanno molto a cuore e che sono entrambe in ospedale. Grazie 1000, le sento! Buonanotte e a presto!

Annunci

Come prima cosa, un fallimento!

Lascia un commento


Al mercato avevano del bel filo di pura lana, spesso spesso, che mi pareva proprio giusto per fare dei lavori in fretta. E in più mi sono messa in testa che mi piace la lana cotta (infeltrita, intendo), perciò volevo mettere insieme le due cose.
La prima mi è riuscita, e in pochi minuti ho messo assieme un “granny square” (ecco come si fa, in inglese)… la seconda un po’ meno.
Ho seguito meticolosamente le istruzioni: bacinella di acqua caldissima, bacinella di acqua gelata. Più mio figlio, come si vede nella foto, e un mestolo per raccogliere il mio quadratino dalla bacinella calda… ebbene, la lana si è infeltrita, ma ha fatto i buchi ancora più grandi, e i punti più piccoli, che non è evidentemente quel che volevo.
Da ignorante, non capisco cosa ho sbagliato (figlio e mestolo a parte: non credo siano fattori che possano influenzare il risultato finale). Ho dei sospetti sul filato, o sul tipo di lavorazione. Qualcuno ha dei consigli?

(Per inciso: l’esperimento comunque è stato un successo, perché ho lasciato campo libero a mio figlio per giocare con le due bacinelle in terrazza, e non vi dico cosa ne è venuto fuori! Vi lascio immaginare però che si è molto, molto, molto divertito!)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: